Crea sito




LA PRIMA CHIAVE ENOCHIANA

La Prima Chiave o Chiamata enochiana è un riassunto dei passaggi chiave tramite cui il Creatore del Sistema Enochiano lo ha realizzato. La Chiave segue la stessa progressione Macrocosmo-verso-Microcosmo usata nel rituale di consacrazione del Tempio Enochiano, ma ulteriormente la completa con una risposta dal Microcosmo diretta al Macrocosmo.

Si noti che la descrizione della corrente in discesa contiene sette frasi significative, indicando i pianeti ed il sole (il Macrocosmo) mentre la descrizione della risposta contiene cinque frasi significative, indicando i quattro elementi e lo spirito elementale (il Microcosmo).

 

La Corrente In discesa

 

1. Definizione del contesto.

"IO regno sopra voi, dice il dio di giustizia, esaltato nel Suo Potere sopra i firmamenti di rabbia."


"i firmamenti di rabbia" sono le regioni di attività all' interno di cui la Creazione avviene. Il dio dichiara il suo controllo completo sopra l'atto della Creazione, e che il Creatore stesso è fuori del regno di cui si presenta la Creazione.

 

2. Definizione dei limiti e delle qualità della Creazione.

"Nelle cui mani il sole è come spada e la luna come fuoco penetrante."


Un'equazione elegante, definisce i parametri della Creazione. Il dio dichiara il suo dominio sulle forze planetarie (Sole-Luna) e le forze elementali (Aria e Fuoco). Inoltre dichiara il controllo sopra i due tipi di dualità: quello in cui un polo è proiettivo e l' altro reattivo (Sole-Luna) e quello in cui due forze di polarità simile sono equilibrate (Fuoco-Aria).

All'interno della zona della Creazione, il polo positivo è attribuito all'elemento della Spada-Aria ed il polo anti-positivo è attribuito all' elemento di Fuoco. Ciò si riflette nell' ordine seguito dagli elementi attraverso le Tavole e le Chiamate o Chiavi: Aria in primo luogo, quindi Acqua, Terra e Fuoco.

 

3. Riunione delle energie da usare.

"che regola i vostri indumenti in mezzo a i miei vestali..."

 
La parola tradotta qui come "indumenti" è usata uniformemente per significare "la Creazione" o "essere" altrove nelle chiavi. Un' altra parola è usata per "gli indumenti" nella frase seguente di questa stessa Chiave. Un' altra parola inoltre è usata per "in mezzo" più avanti in questa Chiave. Quindi la traduzione qui è discutibile. Un' immagine magica data per definire questa frase mostra la scena attraverso gli occhi del dio mentre emette raggi infiniti di luce viva dal suo torace.

 

4. Organizzazione delle energie.

"... e vi ha legati insieme come le palme delle mie mani."

 
L'immagine magica continua mostrando il dio che riunisce le fibre di luce in un pacco o in un cavo. Il dio concentra le energie all' interno del campo di impiego in preparazione per modellare la Creazione.

 

5. Preparazione della base materiale a cui le energie sono fissate.

"Le cui sedi io ho guarnito con il fuoco dell' Adunanza, che ha beatificato i vostri indumenti con ammirazione."

 
Generando il polo positivo o spirituale della Creazione, il dio ora osserva il polo anti-positivo o materiale. "le sedi" sono i quadrati delle Tavole enochiane nella loro forma bidimensionale.
Il dio incarna una parte del suo Volere nelle Tavole, definendo l' ordine ed il posto a cui le energie spirituali saranno attratte e fissate. Quando le energie sono fissate alle Tavole, il modello della volontà compreso in esse si estende indietro lungo il loro percorso fino il polo positivo, condizionando tutte le espressioni ("gli indumenti") delle energie.

 

6. Definizione dei modi di attività della Creazione.

“ai quali ho comandato di governare i santi”


La parola tradotta come "i santi" sembra derivare dalla stessa radice enochiana per "fuoco", suggerendo che quei santi sono coloro che possiedono il volere spirituale. Il dio specifica il modo in cui la sua Creazione risponderà ai maghi ed agli adepti.

 

7. Definizione dello scopo dell'attività.

"e consegnato a voi una bacchetta con l' arca di conoscenza."

 
Agli spiriti delle Tavole è data l' autorità sopra il dispensamento della conoscenza del dio, compreso il potere di creare adepti.

 

La Corrente Di Ritorno

 

8. Le energie rispondono alla volontà creativa.

"inoltre, avete alzato in su le vostri voci e giurato fede ed Obbedienza..."


una volta creati la condizione di relazione tra i due poli, e il modo in cui essi interagiscono, gli angeli della Creazione esprimono la loro risposta al dio, giurando di continuare a seguire la sua volontà.

 

9. Ed affermano il successo dell'atto della Creazione.

"... a colui che Vive e Trionfa,"

 
Gli spiriti delle Tavole affermano l' esistenza del loro Creatore dicendo che vive, ed affermano il successo dell' atto della Creazione dicendo che trionfa.

 

10. Affermano che il Creatore egli stesso esiste fuori del regno della Creazione...

"il cui inizio non è, né fine può essere"

 
Gli spiriti affermano che il dio esiste interamente fuori della sfera della Creazione. Questa frase echeggia la linea che comincia
"nelle cui mani il sole..." da un punto di vista interno alla Creazione.

 

11. ... che la Sua volontà è la fonte della loro esistenza,

"che splende come fiamma in mezzo al vostro palazzo..."

 
la Fiamma fa eco a
"il fuoco dell Adunanza" ed il palazzo è la Tavola enochiana. Gli spiriti affermano che continuano a riflettere la volontà creativa del dio.

 

12. e che continua a regolare tutte le loro attività.

"e regna fra voi come Bilancia di Giustizia e verità."

 
Il dio è "il dio di giustizia", corrispondente alla Bilancia, gli equilibri. La Giustizia e la Verità sono Saturno e Giove, che a loro volta rappresentano contrazione ed espansione, stabilità e cambiamento, autorità e responsabilità e numerosi altri accoppiamenti complementari.


Il dio riconcilia tutti gli opposti. I termini inoltre echeggiano l' asta (attiva) e l' arca di conoscenza (ricettiva) di una frase precedente.

 

Le Frasi Finali

 

"Muovetevi, dunque, mostratevi!

schiudete i misteri della vostra Creazione!

perchè sono il servo del vostro stesso dio,
un sincero adoratore dell' Altissimo!"

 

Nel resto della Chiave, il mago fa appello agli spiriti in modo che rispondano completamente ed apertamente a lui. La parola tradotta qui come "servo" in effetti rende meglio come "il ministro" o "rappresentante".

Il mago asserisce di aver diritto di richiedere una risposta dagli spiriti perché i suoi atti sono in accordo con la volontà del loro Creatore.


+ Introduzione al Sistema Enochiano +
+ Analisi della Seconda Chiave Enochiana +
+ Gli AEthyrs e la 19a Chiave Enochiana +

+ Torna al Menu +